L’arcobaleno

ArcobalenoOdio i piedi bagnati,
li odio!
Ma ancor di più
odio
avere i piedi bagnati,
e ora
ho
i piedi bagnati!
E mi fa male anche la testa,
la testa…
mi fama lela testa
mifa malela testa
fa la le ma mi testa:
a volte capitano fatti imprevisti;
cose,
che non s’era nemmeno immaginato!
E a volte
non è detto che sia un male.
Non ricordo più
da qual cosa sia partito,
non più
più più…
e chi se ne frega:
a volte capita che piova;
piove,
chi l’avrebbe detto!
Poi prima
è comparso l’arcobaleno

(Poi capita che piove)

ArcobalenoOggi ha piovuto, ah già, l’ho appena scritto.
Beh, inutile dire quale gradita sorpresa nel vedere quella spruzzata di colori nel cielo che solo pochi attimi prima era grigio, grigissimo: grigio grigento… quasi Agrigento!
Inizialmente erano due sovrapposti, due belle arcate multicolore complete, ma sono riuscito a fotografare solo quando ormai non erano più molto visibili. In compenso me lo sono goduto io e, credetemi, ne è valsa la pena.

Ryo sblog sgnak bronz

Benvenuti nella mia homepage!


Se avete un po’ di tempo da buttare siete giunti nel posto che fa per voi!
Se volete trascorrere del tempo in modo costruttivo siete giunti nel posto che fa per voi!
RyoMa anche no…

Questo è quanto recitava l’ultima versione della mia homepage. E lo ha recitato per due anni buoni (boh/2004 – oggi/2007)! Quasi sicuramente l’avrà anche imparato a memoria, ecco perché mi sono mosso (a pietà) per rinnovare un po’ le cose. Adesso la home è in formato sbronz… ehm, volevo dire blast… cioè… blog… così mi sarà più facile aggiungere quello che mi passa per la testa e che vorrei arrivasse anche nelle vostre.
Bene, questo voleva inoltre essere un saluto per chi mi conosce attraverso il sito, mi riprometto di curarlo con più frequenza inserendo qualche aggiornamento sullo stato dei miei lavori e su eventuali risultati.

L’ultima considerazione prima del termine di questo primo post, dove mi prendo la libertà di autocitarmi, va all’aspetto tennnologico di questo rinnovamento: sembra facile… ma non è difficile!

Buon duemilasettimo anno a tutti

— Ryo