Parole Belle: Castone (ep. 1×04)

da | 21 Ott 2021 | Mondo editoriale | 0 commenti

Castone è l’esempio perfetto di parola arcinota per quanto concerne le sue derivate, ma la cui forma primitiva è talmente in disuso da sembrare una parola nuova!

Dopotutto, incastonare significa incastrare nel castone, ed è metaforicamente usato anche per indicare qualcosa che è stato messo in un posto diverso dalla sua origine in modo talmente eccellente, da sembrare fatto apposta per quello scopo.

Quando ho letto la parola castone stavo…

Ero non bel mezzo di una consultazione professionale specialistica di accuratissime fonti scientifiche di… va bene, va bene… stavo perdendo tempo su Instagram.

Nel feed è apparsa una raccolta di foto dell’amichevole chimico di quartiere, fra cui una in cui dice di star rileggendo le storie a fumetti di Flash.

Nella foto è visibile una pagina del fumetto, in particolare una sequenza che mostra come un anello racchiuda il costume del supereroe… nel suo castone!

Ero convinto che ogni supereroe che si rispetti indossasse il costume sotto gli abiti civili – come fanno l’Uomo Ragno e Super Pippo –  ma in questo modo è più comodo circolare d’estate; bravo Bartholomew, bella trovata!

Però nella serie del 1990 questa cosa non c’era… gli effetti speciali non erano ancra pronti per tanta grazia!

Di quando ho letto la parola Castone

Il significato di “castone”

castóne s. m. [dal fr. ant. chaston, che è dal franco *kasto]. – Parte dell’anello, o di altro gioiello, ove è posta e fissata la gemma; può essere formato da una cavità coronata da un sottile bordino che si ripiega sul contorno della gemma o, nelle montature a giorno, da piccole griffe, che trattengono la gemma stessa in più punti. Sono così chiamati per analogia anche gli alveoli cui sono fissati i rubini degli orologi.

Dizionario della Lingua Italiana Treccani

Inguainare secondo il Dizionario Treccani

Riflessione finale a 1.000 all’ora

Così come l’uomo più veloce del mondo (dopo Superman? Allora dovrei dire l’umano più veloce? Ma anche il bambino de Gli Incredibili era veloce. E lo chiamavano Flash! Una coincidenza? Mah!) ci protegge dalla turpitudine e dal logorio della vita moderna, anche parole belle come castone contribuiscono a rendere questa palla di fango che rotola nello spazio un posto migliore per vivere.

Grazie Flash, e grazie Castone… tenete duro fino al prossimo episodio!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anonima Andrea Cabassi Newsletter

Unisciti anche tu!

La newsletter di Anonima Andrea Cabassi è discreta, eccentrica e veloce: unisciti anche tu per ricevere curiosità librarie, sconti, ebook e altro ancora! Compila il modulo, userò questi dati solo per inviarti la newsletter, e potrai cancellarli in ogni momento.
Consulta l'informativa sul trattamento dei dati per ulteriori informazioni.

* campo richiesto