Straniero in terra straniera è un romanzo di Robert A. Heinlein e anche una citazione biblica. Mosè mi è sempre stato antipatico, quindi in questo post parlerò del romanzo.

Mosè accettò di abitare da quell’uomo. Egli diede a Mosè sua figlia Sefora. Ella partorì un figlio che Mosè chiamò Ghersom; perché disse: «Abito in terra straniera».

Esodo 2:21-22

Gherson (in ebraico גֵּרְשֹׁם בן-מֹשֶׁה) è un personaggio della Bibbia, figlio di Mosè e Sefora. Nato in terra di Madian, Gherson significa proprio straniero.

Wikipedia

Ora parlo del romanzo, lo prometto!

Quarta di copertina

Valentine Michael Smith è nato durante la prima missione umana su Marte ed è l’unico sopravvissuto alla spedizione. Cresciuto dai Marziani, non è abituato al contatto con gli esseri umani, e al suo rientro sulla Terra è completamente inconsapevole di tutto ciò che lo sta aspettando. Michael, infatti, non ha idea di cosa siano le donne, non conosce le culture terrestri né il concetto di religione. Spedito sulla Terra dovrà imparare a diventare un umano e a comprendere i pregiudizi e le abitudini sociali, a lui alieni. Il suo ritorno è carico di conseguenze: è l’erede di un gigantesco impero finanziario, oltre che il padrone di Marte. Sotto la protezione dell’irascibile Jubal Harshaw, il giovane Michael scopre ed esplora il senso morale degli esseri umani e il vero significato dell’amore puro. Fonda una sua chiesa, predicando l’amore libero e diffondendo le capacità psichiche che ha acquisito dai Marziani, affrontando con forza e determinazione l’inevitabile destino riservato a ogni Messia. Le sue credenze e i suoi poteri, che vanno ben oltre i limiti dell’uomo, condurranno a una trasformazione che altererà inevitabilmente e per sempre gli abitanti della Terra…

Straniero in terra straniera: copertina

Citazioni da Straniero in terra straniera

Posizione 60-61
I componenti della prima spedizione umana su Marte erano stati selezionati in base al postulato che il piú grande pericolo che l’uomo potesse incontrare nello spazio fosse l’uomo stesso.
Posizione 73-75
Otto esseri umani destinati a rimanere accalcati assieme come scimmie in un’astronave per quasi tre anni terrestri dovevano andare d’accordo fra loro molto piú di quanto non facessero normalmente gli esseri umani.
Posizione 170-171
Il capitano van Tromp decise che era giunto il momento di manifestare la sua collera.
Posizione 355-356
I marines, lo sapeva bene, avevano l’ottusa abitudine di eseguire gli ordini in maniera letterale.
Posizione 735-738
Come ben sai, la sua amministrazione è già traballante.» «Non mi occupo di politica.» «Be’, dovresti farlo. È solo un pochino meno importante del tuo battito cardiaco.» «Non faccio caso nemmeno a quello.» «Non interrompermi mentre disquisisco.
Posizione 938-939
un governo è un organismo vivente, e in quanto tale, la sua caratteristica primaria è un cieco e irragionevole istinto di sopravvivenza.
Posizione 961-969
«Ma Ben, per logica non può essere che così. È assurdo che un singolo uomo possa possedere un intero pianeta!» «Non usare mai una parola simile con un avvocato. Non la capirebbe. Ingoiare elefanti e infilare cammelli nella cruna di un ago è una pratica diffusissima in tutte le scuole di legge. Fra parentesi, c’è un precedente da considerare: nel quindicesimo secolo il Papa concesse l’intero emisfero occidentale alla Spagna e al Portogallo, e nessuno si sognò di fargli notare che il territorio fosse già occupato da svariati milioni di indios e pellerossa con le loro leggi, i loro costumi e i loro confini territoriali. Oltretutto, il suo atto di concessione risultò anche piuttosto efficace. Prova a dare un’occhiata a una mappa di quella zona e pensa quanti sono i luoghi in cui si parla spagnolo o portoghese e quanti sono quelli rimasti ai loro abitanti originari.» «Sì, ma… Ben, non siamo piú nel quindicesimo secolo.» «Per gli avvocati sì. Citano tuttora Blackwell, il Codice Napoleonico o addirittura le leggi di Giustiniano.
Posizione 1430-1431
aveva imparato molti anni addietro che i dottori non potevano essere danneggiati da ciò che non sapevano.
Posizione 1496-1498
Vi è un momento nella vita di ciascun essere umano in cui occorre decidere di rischiare “la vita, la fortuna e il sacro onore” per un risultato niente affatto garantito. Coloro che si lasciano intimidire da una simile sfida non potranno mai crescere come persone.
Posizione 1838-1842
Tentò di ricordare come e dove fosse cambiata la situazione fra loro. Secondo la biografia ufficiale della signora Douglas, All’ombra della grandezza: Storia di una donna, si era dichiarato a lei durante il ballottaggio della sua prima elezione… e si era trattato di una situazione talmente romantica che l’unica soluzione possibile era stata un matrimonio all’antica, del tipo “finché morte non ci separi”. Lui non la ricordava esattamente a quel modo, ma sapeva bene che era inutile discutere la versione ufficiale.
Posizione 1863-1864
un uomo che prende soldi da due parti può benissimo prenderli anche da tre.»
Posizione 1917-1918
la sua personale filosofia politica poteva essere racchiusa in un semplice motto: gli uomini dovevano dirigere il mondo e le donne dovevano dirigere gli uomini.
Posizione 2263-2263
Harshaw non si aspettava mai una condotta ragionevole da parte degli esseri umani;
Posizione 2317-2319
Anche Marte possedeva l’efficace schema bipolare, ma i marziani lo usavano in un modo talmente diverso rispetto alla forma terrestre che solo un biologo avrebbe potuto definirlo con il termine “sesso”, e sicuramente non si sarebbe trovato d’accordo con qualunque psichiatra terrestre.
Posizione 2410-2412
Il Governo! Tre quarti di parassiti e un quarto di idioti che brancolano nel buio. Certo, non poteva fare a meno di ammettere che una forma di governo fosse necessaria all’uomo. Ma questo non significava certo che la cosa lo rendesse felice. Il fatto che un male fosse inevitabile non contribuiva certo a renderlo un bene.
Posizione 2483-2485
Apparve Anne, gocciolante. «Ricordami» le disse Jubal «di scrivere un articolo popolare sulla lettura coattiva dei giornali. L’argomento principale sarà che la maggior parte delle nevrosi e anche di alcune psicosi possono essere derivate dall’inutile e poco salutare abitudine di sguazzare giornalmente nei problemi e nei peccati di cinque miliardi di sconosciuti.
Posizione 2509-2511
Fanno quasi tutti parte della serie infinita di articoli di Ben sulla corruzione nella raccolta di fondi per le campagne elettorali. È un argomento sicuro come scrivere un articolo in favore del Natale.
Posizione 2649-2650
«Va bene, capo.» «Non ti è stato concesso il privilegio di chiamarmi “capo”. Non sei deducibile dalle tasse.»
Posizione 2667-2675
«Per favore, Jubal, dovrà pur imparare come comportarsi, prima o poi. Sto facendo sforzi enormi per insegnargli…» «Hmmmph! Stai cercando semplicemente di imporgli la tua arretrata moralità ristretta da borghese cattolica. Non credere che mi sia sfuggito.» «Niente affatto! Non mi sono mai interessata all’aspetto morale; sto semplicemente tentando di insegnargli gli usi e i costumi necessari per vivere in questa società.» «Costumi, morali, dove sta la differenza? Ti rendi conto di ciò che stai facendo? Per grazia di Dio, abbiamo la fortuna di trovarci davanti a una personalità che non è mai stata inquinata dai tabù psicotici della nostra specie, e tu che cosa vuoi fare? Trasformarlo in un tipico conformista di quarta categoria che popola queste lande! Perché non vai fino in fondo, allora? Procuragli una valigetta ventiquattr’ore e fagliela portare con sé ovunque vada; fagli provare vergogna ogni volta che non ce l’ha!»
Posizione 2680-2681
«Torna a sederti, e per l’amor di Dio smettila di sforzarti di essere sgradevole quanto me; ti mancano un bel po’ di anni di esperienza nel campo.
Posizione 2699-2701
il ragazzo deve imparare gli usi e i costumi umani. Bisogna insegnargli a togliersi le scarpe quando entra in una moschea, a mettersi il cappello quando entra in sinagoga e a coprire le sue nudità quando i tabù lo richiedono, altrimenti i nostri sciamani tribali lo metteranno al rogo accusandolo di deviazionismo.
Posizione 3080-3082
Si dà il caso che io appartenga a una stirpe ormai quasi estinta, quella dei gentiluomini all’antica, il che significa che posso essere un gran figlio di puttana ogni volta che ho voglia di esserlo.
Posizione 3108-3108
nessuno ti ha chiesto cosa ne pensi; non sei abbastanza competente per avere un’opinione al riguardo.»
Posizione 3140-3141
Un serpente velenoso non è affatto pericoloso, non piú di una pistola carica, se si sa come trattarlo.
Posizione 3158-3159
non ho mai capito come un Dio giusto possa aspettarsi che le sue creature scelgano la religione corretta fra una miriade di religioni false… seguendo solo la fede.
Posizione 3362-3363
Harshaw rispondeva sempre personalmente al suo telefono quando lo aveva a portata di mano, poiché ogni chiamata gli poteva offrire delle buone possibilità di comportarsi in maniera scortese
Posizione 3544-3556
«C’è qualcosa che non va, figliolo?» gli domandò Jubal. «Si tratta di ciò che ho visto in quella scatola delle cazzate. Tu hai detto “va bene, fa’ pure. Ma dopo vieni da me che ne parliamo.”» «Oh.» Harshaw ricordò la trasmissione della Chiesa della Nuova Rivelazione che stava guardando Mike poco prima e trasalì. «Sì, adesso ne parliamo. Ma non chiamare quella cosa la scatola delle cazzate. Si chiama stereovisore; chiamala così.» Mike assunse un’espressione perplessa. «Non è una scatola delle cazzate? Non ti ho sentito giustamente?» «No, mi hai sentito giustamente, e si tratta effettivamente di una scatola piena di cazzate. Me la sentirai chiamare così anche in altre occasioni, o anche in altri modi. Ma tu devi chiamarlo stereovisore.» «Io lo chiamerò “stereovisore”. Ma per quale motivo, Jubal? Io non grokko.» Harshaw emise un sospiro, provando la sensazione di essersi arrampicato troppe volte per le stesse scale. Ogni conversazione che aveva con Smith metteva in rilievo almeno un esempio di comportamento umano che non poteva essere giustificato con la logica, o almeno non in termini comprensibili a Smith, e i suoi tentativi di spiegargli certe cose erano sempre infinitamente laboriosi. «Nemmeno io grokko, Mike» ammise «ma Jill vuole che tu lo chiami così.» «Io lo chiamerò così, Jubal. Jill lo vuole.»
Posizione 3595-3598
Se Dio esisteva (questione riguardo alla quale Jubal manteneva una rigorosa neutralità intellettuale) e se desiderava effettivamente essere adorato (cosa che Jubal trovava intrinsecamente improbabile ma concepibilmente possibile alla debole luce della sua personale ignoranza), Harshaw trovava comunque poco plausibile che un essere tanto potente da foggiare intere galassie potesse essere sollecitato o influenzato dalle ridicole sciocchezze che gli offrivano in “adorazione” i fosteriti.
Posizione 3607-3608
c’era forse qualche motivo particolare per preferire un’ipotesi a un’altra, quando in realtà nessuno ci capiva niente?
Posizione 3691-3692
Che cosa significava “grokkare”? Lui stesso aveva cominciato a usare quel termine da almeno una settimana ormai, e non lo aveva ancora grokkato.
Posizione 4325-4327
«Io mi fido di lei, signore. E sono pronto a trattare. Tuttavia, uso la parola “trattare” nel suo senso originario, e non considero il nuovo significato che le avete dato, che la fa apparire decisamente piú affine al termine “cedere”.
Posizione 4578-4579
«Congratulazioni! Il desiderio di non immischiarsi negli affari altrui rappresenta almeno l’ottanta per cento della saggezza umana…
Posizione 4606-4606
una storia non va mai inquinata con fatti pertinenti alla realtà.»
Posizione 4623-4623
È stata la cosa piú assurda che abbia mai visto fin dai tempi in cui quel mio zio dalle due teste riuscì a confutare se stesso.
Posizione 4786-4792
«Jubal, mi stai forse dicendo che non dovrei criticare l’amministrazione? Anche se hanno torto? Anche se sono sicuro che hanno torto?» «Niente affatto. I seccatori come te sono pressoché indispensabili. E non sono nemmeno contrario a “cacciare via i cattivi”; di solito è la regola piú sicura della politica. Ma prima di correre il rischio di cacciarli via bisogna sempre considerare quali saranno i nuovi “cattivi” che entreranno al posto di quelli vecchi. La democrazia non sarà mai niente piú che un mediocre sistema di governo, a voler essere generosi; l’unica cosa che si può sostenere a suo favore è che rappresenta di gran lunga il miglior sistema di governo mai escogitato finora dalla razza umana. Il peggior difetto della democrazia è che è molto probabile che i suoi leader riflettano i difetti e le virtù dei loro elettori… un livello purtroppo bassissimo, ma del resto che cosa ci si può aspettare?
Posizione 4819-4823
«A proposito, Jubal, che mi dici di questi “Anziani” di cui parla sempre Mike?» «Vuoi la versione ufficiale o la mia opinione personale?» «La tua opinione. Ciò che pensi realmente in proposito.» «Te la dirò, ma tientela per te. Credo che si tratti di una venerabile cazzata, buona per concimare le aiuole. Una superstizione che è stata impiantata nel cervello del ragazzo in tenera età, tanto che non ha piú nessuna possibilità di sfuggirle.»
Posizione 4828-4828
la fede non è che una forma di pigrizia intellettuale,
Posizione 4829-4830
La fede di Mike nei confronti dei suoi “Anziani” non è piú irrazionale della convinzione che le dinamiche dell’universo possano essere scavalcate da una preghiera in favore della pioggia.
Posizione 5661-5663
«Qualche soldo in piú non ti servirebbe praticamente a nulla, perché due figlie consumano circa il dieci per cento in piú di quello che qualsiasi uomo possa guadagnare facendo un lavoro normale, a prescindere dalla cifra che gli arriva in busta paga.
Posizione 5679-5680
l’abilità della mente umana nel razionalizzare i propri difetti trasformandoli in virtù è pressoché illimitata,
Posizione 5756-5756
“Osare, osare sempre”, è il principio piú sicuro, in qualsiasi strategia.
Posizione 6173-6175
la maggior parte delle cose che gli piacciono non è in vendita. Dice che la robaccia che fanno al giorno d’oggi assomiglia a un disastro avvenuto in un rottamaio e che qualsiasi idiota con una fiamma ossidrica malato di astigmatismo può dichiarare di essere uno scultore.»
Posizione 6256-6258
Sarei diventato un ottimo profeta se non fossi caduto nell’assurda e fatale follia di leggere tutto quel che mi capitava sottomano. Con un tocco in piú di fiducia in me stesso e un piccolo aiuto da parte dell’ignoranza avrei persino potuto diventare un famoso evangelista.
Posizione 6271-6274
«Mia cara, devi sapere che la religione è una zona praticamente franca per quanto riguarda la legge. Una Chiesa può fare tutto ciò che è consentito a qualsiasi altra organizzazione umana, ma senza restrizioni. Non pagano tasse, non hanno l’obbligo di pubblicare i loro rendiconti, sono praticamente immuni a perquisizioni, ispezioni o controlli di sorta, e in piú chiunque può fondare un’organizzazione qualsiasi e chiamarla Chiesa.
Posizione 6498-6499
Questi ultimi vennero prelevati e scaricati davanti all’altare, dove continuarono ad agitarsi come pesci in cerca d’acqua.
Posizione 6552-6553
«Non si preoccupi» rispose Boone, col sigaro in bocca. «L’edificio è rinforzato, costruito in materiale antincendio e sostenuto dalla fede.
Posizione 6589-6590
A parte la barbetta da capretta che portava a evidente imitazione del defunto Foster, quell’uomo gli ricordò un venditore di auto usate; aveva lo stesso sorriso pronto e gli stessi modi caldi e amichevoli.
Posizione 6633-6634
«Rilassati. E serviti, è tutto gratis.» «Non ho fame.» «Be’, io sì… e se mi beccassero a rifiutare un banchetto gratuito, mi butterebbero fuori dalla gilda degli autori.»
Posizione 6654-6656
«Come i gatti e i cuochi, il Vescovo supremo se ne va senza salutare. È una battuta. Secondo lui gli addii non aggiungono felicità a questo mondo, quindi non si accomiata quasi mai. Spero che non vi offendiate per questo.»
Posizione 6662-6692
«Jubal,» intervenne improvvisamente Jill «come è possibile che la passino liscia?» «In che senso?» «In tutti i sensi. Quella non è una Chiesa… è un manicomio vero e proprio.» Questa volta toccò a Jubal riflettere prima di rispondere. «No, Jill, ti sbagli. È una Chiesa a tutti gli effetti… con il logico eclettismo della nostra epoca.» «Eh?» «La Nuova Rivelazione e tutte le dottrine e le pratiche che ne conseguono sono roba vecchia, roba molto vecchia. L’unica critica che puoi fare loro è che né Foster né Digby hanno mai avuto un’idea originale in tutta la loro vita. Ma sapevano bene che cosa ci vuole per vendere bene in questa epoca. Così hanno messo assieme qualche centinaio di vecchissimi trucchi, hanno dato loro una mano di vernice fresca e si sono messi in affari. In grande. L’unica cosa che mi spaventa è che potrei anche vivere abbastanza a lungo da essere costretto a vederli vendere fin troppo bene… fino al punto che potrebbero diventare obbligatori per tutti.» «Oh, no!» «Oh, sì. Hitler ha iniziato con molto meno, e non aveva nulla da spacciare se non odio. L’odio è un’ottima merce e vende sempre bene, ma alla lunga la felicità risulta sempre una merce piú sicura. Credimi, lo so bene; piú o meno, operiamo nello stesso campo, come non ha potuto fare a meno di ricordarmi lo stesso Digby.» Jubal sorrise. «Avrei dovuto dargli un pugno. Invece, ne ero contento. È per questo che quell’uomo mi fa paura. È molto bravo a convincere la gente, ed è anche astuto. Sa esattamente ciò che le persone cercano: la felicità. Il mondo viene da un secolo lungo e desolante, pieno di paure e sensi di colpa, e a un tratto salta fuori Digby che dice a tutti di non temere, né in questa vita né in quella successiva, perché Dio comanda di amare e di essere felici. Giorno dopo giorno, continua a martellare sulla stessa cosa; non abbiate paura, siate felici.» «Be’, quella parte mi sta anche bene» concesse Jill. «E devo ammettere che lavora duro in quel campo. Ma…» «Lui non lavora duro, lui gioca duro.» «A me invece è sembrato una persona dedita al suo lavoro, che ha sacrificato tutto per…» «Balle, ti dico. Per Digby è solo un gioco. Jill, fra tutte le sciocchezze che fanno girare il mondo, il concetto di “altruismo” è forse la peggiore di tutte. La gente fa comunque ciò che vuole, sempre. E se alle volte capita loro di dover fare una scelta difficile e che appare come un “nobile sacrificio”, puoi giurare che quella difficoltà non è piú nobile dello sconforto causato dall’ingordigia: è la spiacevole necessità di dover scegliere fra due cose a cui tieni dovendo per forza rinunciare a una delle due. L’individuo comune soffre di questo disagio tutti i giorni, ogni volta che deve scegliere se spendere i suoi soldi per una birra o metterli da parte per i suoi figlioletti, fra l’alzarsi dal letto quando è stanco o passare la giornata nel suo bel letto caldo e perdere il lavoro. E puoi stare sicura che la sua scelta, qualunque sia, sarà sempre quella che secondo lui gli arreca meno danno o gli procura piú piacere. L’uomo comune passa tutta la vita a tormentarsi fra queste piccole scelte. E anche il furfante puro e il santo fanno le stesse scelte, anche se su scala piú vasta. Anche loro, alla fin fine, scelgono ciò che piú gli conviene. Come del resto ha fatto Digby. Non so se è un santo o un furfante, ma sono sicuro che non è il piccolo uomo comune che passa la vita a tormentarsi per queste scelte.» «Quale dei due credi che sia, Jubal?» «Vuoi dire che c’è una differenza?» «Oh, Jubal, il tuo cinismo è solo un atteggiamento, lo sai meglio di me! È chiaro che c’è una differenza!» «Mmm, sì, in effetti hai ragione. Spero che sia solo un furfante… perché un santo può creare mille volte piú scompiglio di un furfante.
Posizione 6779-6780
c’è anche un altro aspetto da considerare; il Dio di Digby pretende di essere riconosciuto come tale. Ma del resto, questo è sempre stato il punto debole di qualsiasi divinità.
Posizione 6784-6785
non ho nessuna intenzione di permettere a persone a me inferiori mentalmente e socialmente di dirmi cosa devo fare e dove devo andare di domenica.
Posizione 6968-6972
Sulla Terra, le elezioni proseguivano come al solito, e un poeta molto conosciuto pubblicò un’edizione limitata di versetti composti esclusivamente da spazi e punteggiatura. La rivista Time ne pubblicò alcuni e suggerì che il resoconto giornaliero dell’assemblea della Federazione venisse tradotto con lo stesso sistema. Il poeta fu invitato a leggere alcune sue poesie presso l’Università di Chicago, cosa che fece, con indosso un abito formale da sera privo di pantaloni e scarpe.
Posizione 7071-7073
Il rettile si avvolgeva attorno alla donna in maniera talmente strategica che nemmeno i rappresentanti delle chiese locali potevano trovarvi qualcosa di cui lamentarsi, soprattutto perché molte delle loro figlie indossavano abiti molto piú succinti proprio quando andavano al luna park.
Posizione 7179-7190
«Okay, dato che me l’hai chiesto… ascolta, i tuoi trucchi sono ottimi. Che diavolo, ce ne sono alcuni che non sono riuscito a capire nemmeno io. Ma non bastano dei bei trucchi per fare un buon mago. Il guaio è che tu non ci sei dentro con la testa. Ti comporti come uno di noi; ti fai sempre i fatti tuoi, non screditi mai gli spettacoli degli altri e sei sempre d’aiuto quando qualcuno te lo chiede. Solo che tu non sei uno di noi. E lo sai il perché? Perché non hai il fiuto per capire per quale motivo un babbeo è un babbeo. Non riesci a entrare nel cervello dei clienti. Un vero mago fa rimanere il pubblico a bocca aperta tirandosi fuori una moneta dalla manica. Quella “levitazione di Thurston” che fai, per esempio; non ho mai visto nessuno farla meglio, eppure la gente non si scalda. Non usi la psicologia. Guarda me, a esempio. Io non so nemmeno tirarmi fuori una moneta dalla manica senza farmi notare… riesco a malapena a usare un coltello e una forchetta senza tagliarmi la bocca. Non so fare nulla, però me la cavo benissimo con ciò che conta. Riconosco un pollo. So esattamente dove si trova la vena di ladrocinio che ha nel cuore, e so quanto è grande. Riesco a capire ciò che vuole, anche se magari non lo sa nemmeno lui. È questa l’arte dello spettacolo, figliolo, che tu sia un politico a caccia di voti, un predicatore che picchia sul pulpito o un mago, è sempre la stessa cosa. Basta che tu scopra che cosa vogliono i babbei, poi potrai anche lasciare la metà dei tuoi gingilli nel baule.»
Posizione 8160-8163
risposta, sempre ammesso che esista, deve essere per forza qui» fece un cenno in direzione del mucchio di libri religiosi. «Solo che non c’è. Certo, vi sono dei piccoli frammenti che grokkano la verità, ma non c’è mai uno schema preciso… e anche se c’è, viene richiesto sempre e inevitabilmente di assumersi il peso della fede. La fede! Che termine assurdo! Jill, come mai non hai incluso anche quello nell’elenco che mi hai fatto delle parole che non devo usare quando si è in compagnia?»
Posizione 8211-8211
quel giorno, nemmeno la solenne misantropia
Posizione 8325-8327
Nel Tennessee, fu nuovamente introdotta una proposta di legge per rendere il valore del pi greco esattamente uguale a tre; essa venne redatta dal comitato di pubblica educazione e morale, passata senza alcuna obiezione dalla Camera e bocciata dalla commissione del Senato.
Posizione 8333-8336
Non si era preoccupato quando Mike era stato buttato fuori dal Seminario teologico dell’Unione, inseguito da un branco di teologi fuori di sé dall’ira: alcuni ce l’avevano con lui perché credevano in Dio, altri perché non ci credevano, ma erano tutti uniti nel detestare profondamente l’Uomo di Marte.
Posizione 8407-8408
Le “statue” sono quelle raffigurazioni di uomini politici defunti che vedi nelle piazze. Quelle che vedi qui invece sono “sculture”.
Posizione 8449-8451
i crocifissi sono solitamente a dir poco atroci; in quanto a quelli dipinti realisticamente che si trovano a volte nelle chiese, trovo che siano i peggiori di tutti… il sangue sembra salsa di pomodoro e l’ex-falegname viene solitamente raffigurato con un fisico efebico…
Posizione 8502-8506
«I disegni astratti vanno benissimo… come carta da parati o per le piastrelle del bagno. Ma l’arte è un’altra cosa; è il processo attraverso il quale si evocano pietà e terrore, e non è affatto astratta, ma decisamente umana. Ciò che stanno facendo gli artisti moderni non è altro che una masturbazione pseudointellettuale, mentre l’arte creativa implica un vero e proprio rapporto, in cui l’artista deve sedurre e portare a un livello emotivo il suo pubblico ogni singola volta che si appresta a comporre un’opera.
Posizione 8513-8515
La maggior parte di questi lazzaroni non sono interessati a usare un linguaggio che possa risultare comprensibile per me o per te… preferiscono riderci dietro e godere del fatto che capiamo che cosa intendevano. Sempre ammesso che intendessero effettivamente qualcosa: di solito l’oscurità è il rifugio degli incompetenti.
Posizione 8631-8633
Ho sempre detto piú che chiaramente a chiunque sia venuto qui, sia per lavorare che per far parte della famiglia, che questo non era un negozio di dolciumi né un bordello, ma solo una casa… e che, in quanto tale, era caratterizzato da una certa anarchia combinata con una certa tirannia, senza il benché minimo accenno di democrazia. Cioè, come una buona famiglia.
Posizione 9043-9044
Caxton non riuscì piú a sentire le parole, poiché Jill era improvvisamente diventata Eva Madre, con indosso null’altro che la sua gloria.
Posizione 9347-9348
«Hai mai partecipato a una festa di quelle veramente pazzesche, quelle che di solito vengono interrotte dagli sbirri e che finiscono sempre con almeno un paio di divorzi?»
Posizione 9494-9495
lo stesso Mike mi aveva affascinato; la sua nuova personalità è qualcosa di molto potente. Un po’ presuntuoso e un po’ troppo venditore di auto usate, ma per il resto decisamente irresistibile.
Posizione 9605-9606
sono rimasto legato ormai per troppo tempo alla mia marca specifica di malvagità e di disperazione per farmi ripulire dalla loro acqua della vita e tornare nuovamente innocente… sempre ammesso che lo sia mai stato.»
Posizione 9626-9629
L’etica sessuale è un problema alquanto spinoso… soprattutto perché ognuno di noi deve trovare una soluzione che sia compatibile con un assurdo, impossibile e sventurato codice definito “morale”. La maggior parte di noi sa, o perlomeno sospetta, che quello pubblico sia sbagliato, e di conseguenza infrange le sue regole. Ciò nonostante, paghiamo la nostra tassa parlandone bene in pubblico e sentendoci colpevoli per averlo infranto in privato.
Posizione 9657-9658
Se un uomo appoggiasse la mano su una pila di bibbie e mi giurasse che si è trattenuto dal desiderare la donna del suo vicino perché è proibito dal codice, sospetterei immediatamente un caso di autoillusione o, al peggio, di anormalità sessuale.
Posizione 9669-9670
Sono nato in una casa fornita dello stesso impianto idraulico che si potrebbe trovare in un igloo, e non ho alcuna intenzione di ripetere la mia infanzia.
Posizione 9726-9730
queste regole concedono alle divinità una libertà sessuale limitata solo dal loro giudizio; le regole morali non sono mai applicabili. Leda e il Cigno? Europa e il Toro? Osiride, Iside e Horus? Gli incredibili giochi incestuosi degli dèi scandinavi? E perché fermarsi qui? Prova a controllare bene le relazioni familiari della Trinità-in-Uno della piú rispettata e diffusa fra le religioni occidentali… e non voglio nemmeno citarti quelle orientali: le loro divinità fanno cose che farebbero arrossire anche un allevatore di conigli!
Posizione 9731-9733
le regole per le divinità stesse non siano le stesse che devono invece rispettare i comuni mortali. Naturalmente, la maggior parte della gente non ci pensa nemmeno: chiudono l’argomento in uno scomparto sigillato della loro mente e ci mettono un sigillo con su scritto: sacro, non disturbare.
Posizione 9857-9859
C’è rifugio nella Chiesa, quando il limite è arrivato, tanto piú se il buon veleno è fornito dal prelato.
Posizione 10341-10344
quando una persona raggiunge la mia età, deve avere per forza fretta riguardo a certe cose. Ogni alba è una gemma preziosa… poiché non è detto che venga seguita da un tramonto. Il mondo potrebbe finire in qualsiasi momento.» Mahmoud sorrise. «Jubal, pensi forse che se smetti di vivere tu, finisca tutto il mondo?» «Non ho alcun dubbio in proposito, poiché dal mio punto di vista sarebbe proprio così.»
Posizione 10412-10413
Guarda Sam, a esempio; lui ha tutto meno l’accento giusto. Riesce, chissà come, a parlare in marziano con uno spiccato accento del Bronx.
Posizione 10563-10567
Per la fede nella quale sono stato allevato io, nessuno aveva bisogno di sapere alcunché. Bastava confessare i propri peccati e si era salvati, al sicuro fra le braccia di Gesù. Un uomo può anche essere completamente scemo… eppure può considerarsi tranquillamente un “eletto” da Dio, con la garanzia della felicità eterna, solo perché è stato “convertito”. Può leggere la Bibbia, oppure no. Nemmeno questo è richiesto, e certamente non c’è bisogno che conosca, o nemmeno che tenti di conoscere, qualsiasi altra cosa.
Posizione 10690-10691
Quel mattino si ritrovò addirittura a fischiettare, cosa che faceva in maniera pessima. Lo notò, si controllò, se ne dimenticò e riprese a fischiettare.
Visualizza questo post su Instagram

Straniero in terra straniera si è rivelato un’incredibile scoperta. Lontano dalle atmosfere di Fanteria dello spazio (Starship Troopers) sempre di Heinlein, è un romanzo ricco di personaggi vivissimi e interessanti, e dalle molteplici sfaccettature, in grado di affrontare a viso aperto tematiche d’ampio raggio. Non me lo sarei aspettato, lo ammetto. Ora invece… lo grokko pienamente! 👽😜 – #kindlepaperwhite #ebook #librosrecomendados #romanzo #amazonkindle #straniero #ebookreader #romanzofantasy #grocco #opsilromanzo #ereader #kindlebooks #kindle #libros #alieni #futuro #libros📚 #grokkare #romanzodaleggere #fantascienza #marziano #instalibro #ebooks #alieno #marte #marziani #libro #terra #heinlein #lostraniero

Un post condiviso da Andrea Cabassi (@andreacabassi) in data:

Straniero in terra straniera: giudizio finale

Non è stato facile grokkare Straniero in terra straniera, specie all’inizio non è chiaro quale sia il tenore di questo romanzo. Però è un crescendo, un coinvolgimento costante nella storia dell’Uomo di Marte, un libro inaspettato per me che di Heinlein avevo letto Fanteria dello spazio: oltre 700 pagine intriganti e molto intelligenti, un libro che è molto più di un semplice romanzo, è un assaggio di umanità (terrestre e marziana)!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.