Reductio ad unum: cogli la sfida

da | 26 Apr 2017 | Giuochi | 25 commenti

Quello del Reductio ad unum è un meme divertente ma impegnativo, un’occasione privilegiata e uno sforzo stilistico.

Definizione di reductio ad unum

Scegli il termine della lingua italiana che più qualifichi la tua esperienza di essere umano: quel termine rispetto al quale tu trovi rispecchiata fino in fondo la tua esperienza.

Al di là di definizioni altisonanti, reductio ha poche regole:

  1. Deve essere un termine solo, può essere un aggettivo, un sostantivo, un verbo, ma deve essere solo uno.
  2. Scrivi il tuo reductio ad unum nei commenti, accompagnandolo se vuoi da una nota.
  3. Se vorrai rispondere con un blog post aggiungi il link nei commenti, farò una lista dei blog che aderiscono al meme.

Capirai bene che condensare tutto se stesso in un unico termine sia davvero complesso (io infatti do subito il cattivo esempio perché non ci sono ancora riuscito) ma è un’occasione imperdibile e privilegiata per capire come si vedono gli altri, e se corrisponde a come tu li vedi.

Sarai in grado di cogliere la sfida?

25 Commenti

    • Ryo

      Direi che aderisce alla mia idea su di te per un buon 80% 😀

      Rispondi
  1. Reggie

    Groviglio

    Rispondi
    • Ryo

      Anche per te un 80% abbondante. Oh, sono bravo! 😀

      Rispondi
  2. Nadia Olaj

    La tua è facile: PARACULO 😀

    Rispondi
    • Ryo

      La tua è BOCCACCIA 😛

      Rispondi
    • Ryo

      Nel senso che sei il regista della tua vita? 😉

      Rispondi
      • Massimiliano Riccardi

        Eeh, è una cosa che ci auguriamo tutti, ma forze più grandi di noi controllano le nostre scelte, pensiamo di essere liberi scegliendo tra mille opzioni, in realtà sono opzioni che l’economia e la politica hanno già pianificato e impacchettato. Diciamo che con azione intendo l’incapacità di essere solo un teorico, progetto ma devo, voglio, agire. Costruire.

        Rispondi
        • Ryo

          Bello! Inoltre, per quel poco che so del tuo lavoro, molto azzeccato!

          Rispondi
  3. Marina

    Bello, ci penso.
    Ponderata, eh?

    Rispondi
    • Ryo

      Ma è la risposta o è il tuo stato temporaneo mentre cerchi la risposta definitiva? 😉

      Rispondi
        • Ryo

          OK, aderenza al 90% ^_____^

          Rispondi
          • Marina
          • Ryo

            Senza parole ?_?

  4. Marina

    ops, no! In verità c’era una faccina. Ma che fine ha fatto? 😀
    Pazienza!
    Ma guarda… ho scovato un’altra bella parola! 😉

    Rispondi
    • Ryo

      Eh no, le regole parlano chiaro: una sola! 😉
      Potrebbe essere “indecisa” 😀

      Rispondi
      • Marina

        No no, indecisa no… o forse sì?

        Rispondi
  5. Marina

    Okkay, dai, l’ho trovata ed è una parola splendida : DIAMANTE. 😛
    Sono preziosa, ho mille sfaccettature e brillo da ogni lato. 😀 😀

    Rispondi
    • Ryo

      Brillante! 😀

      Rispondi
  6. Tenar

    Bello.
    Scelgo PECULIARE

    Rispondi
    • Ryo

      Perché forse vedi tanti sottostare a una serie di omologazioni?

      Rispondi
  7. PiGreco

    Il mio nick è abbastanza? 😛

    Ciao Andrea e ben ritrovato 😉

    Rispondi
    • Ryo

      Direi che sei stato più che eloquente! Ben tornato 😀

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anonima Andrea Cabassi Newsletter

Unisciti anche tu!

La newsletter di Anonima Andrea Cabassi è discreta, eccentrica e veloce: unisciti anche tu per ricevere curiosità librarie, sconti, ebook e altro ancora! Compila il modulo, userò questi dati solo per inviarti la newsletter, e potrai cancellarli in ogni momento.
Consulta l'informativa sul trattamento dei dati per ulteriori informazioni.

* campo richiesto