Quello del Reductio ad unum è un meme divertente ma impegnativo, un’occasione privilegiata e uno sforzo stilistico.

Definizione di reductio ad unum

Scegli il termine della lingua italiana che più qualifichi la tua esperienza di essere umano: quel termine rispetto al quale tu trovi rispecchiata fino in fondo la tua esperienza.

Al di là di definizioni altisonanti, reductio ha poche regole:

  1. Deve essere un termine solo, può essere un aggettivo, un sostantivo, un verbo, ma deve essere solo uno.
  2. Scrivi il tuo reductio ad unum nei commenti, accompagnandolo se vuoi da una nota.
  3. Se vorrai rispondere con un blog post aggiungi il link nei commenti, farò una lista dei blog che aderiscono al meme.

Capirai bene che condensare tutto se stesso in un unico termine sia davvero complesso (io infatti do subito il cattivo esempio perché non ci sono ancora riuscito) ma è un’occasione imperdibile e privilegiata per capire come si vedono gli altri, e se corrisponde a come tu li vedi.

Sarai in grado di cogliere la sfida?

Unisciti alla discussione

25 commenti

      1. Eeh, è una cosa che ci auguriamo tutti, ma forze più grandi di noi controllano le nostre scelte, pensiamo di essere liberi scegliendo tra mille opzioni, in realtà sono opzioni che l’economia e la politica hanno già pianificato e impacchettato. Diciamo che con azione intendo l’incapacità di essere solo un teorico, progetto ma devo, voglio, agire. Costruire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.