Keep calm and tre parole per il 2016

da | 12 Gen 2016 | Mondo editoriale | 14 commenti

Indice dei contenuti

Eccoci anche quest’anno all’appuntamento con le mie tre parole per creare un percorso da seguire per realizzare me stesso e le mie ambizioni. Prima però un breve riepilogo di quelle scelte l’anno scorso; vediamo se il 2015 ha seguito la via indicata a inizio anno.

Le parole erano:

  • Obiettivo
  • Gli obiettivi riguardavano le mie letture: sono riuscito a leggere di più, a scoprire nuovi autori e generi e a valorizzare letture del passato. Successo pieno per la prima parola del 2015!

  • Ritmo
  • Il ritmo nella scrittura è stato piuttosto altalenante per via di impegni vari, sia miei che no. Ciò nonostante il lavoro è proseguito, con anche qualche nuova idea in chiusura d’anno. Sufficienza raggiunta per la parola numero 2 del 2015.

  • Consolidare
  • Le attività su Pelicula sono state proficue, ecco un rapido elenco: l’articolo Un futuro da incubo pubblicato sul Corriere della Sera, le citazioni musicali svelate durante la trasmissione King Kong di Rai Radio 1, le recensioni di Sololibri.net e Gli scrittori della porta accanto, le presentazioni da Feltrinelli, Bookstop, Cascina Bertelli Franzelli e Lucca Comics. Conscio che fare qualche cosa di più è sempre possibile, direi che è stato soddisfacente anche l’esito dell’ultima parola magica del 2015.

Keep calm and tre parole per il 2016

Veniamo dunque a noi: anche le tre parole del 2016 incarneranno lo spirito guida delle mie principali attività: lettura, scrittura e il mio romanzo Pelicula.

Profondità

Con le letture dello scorso anno ho consolidato un’idea che in passato forse era solo abbozzata, e cioè che mi piacciono i libri lunghi. Certo, non tutti… ma se un libro mi piace, piucenemeglioè. Quest’anno vorrei dedicarlo al piacere di immergermi in una lettura in cui i dettagli siano sviscerati in profondità, i classici mattoni dalle ottocento pagine in su.

Chiarezza

Negli ultimi capitoli del romanzo in lavorazione ho introdotto un’importante sottotrama e alcuni personaggi, in particolare due antagonisti e un coprotagonista, anche se al momento le cose non sono così… chiare. Vorrei allora fare chiarezza proprio su questi aspetti, sviluppare trama e personaggi, approfondire quei dettagli che al momento esistono solo nella mia testa, e portare così a compimento un’altra fetta di lavoro.

Contatto

Nei mesi scorsi ho preso i primi accordi per organizzare tre presentazioni che non esito a definire di prestigio; quest’anno mi piacerebbe lavorare sulle presentazioni: entrare in contatto con i lettori, parlare loro del libro, ascoltare le domande di chi l’ha letto e – perché no? – aprire una breccia nel muro d’indecisione di chi ancora storce il naso sentendo la parola fantasy o fantascienza, cercando di far passare il concetto che il genere non è qualcosa che sta dentro una storia, ma solo un’etichetta posticcia. Sì, sto parlando anche con voi!

Mi auguro che anche il 2016 possa essere un anno fruttuoso; se vi va fatemi sapere quali sono le vostre tre parole, ci si sente fra altri dodici mesi per vedere com’è andata!

14 Commenti

  1. Nick Parisi

    In bocca al lupo per gli obiettivi e auguri per il 2016, in ritardo ma profondamente sentiti!

    Rispondi
    • Ryo

      Evviva il lupo! 😉
      Contraccambio, naturalmente: un buon anno di blogging, letture e tutto quanto 😛

      Rispondi
  2. Marina

    Stai parlando proprio con me!
    Eppure, udite udite… ho il tuo “Pelicula” fra le mie prossime letture!
    ( e vediamo se posso cambiare idea sul genere!)

    Sul “consolidare” dell’anno scorso c’è qualcosa di molto vicino al mio post di oggi!
    (Belle scelte musicali!)

    Rispondi
    • Ryo

      Wow, sono davvero curioso di sapere come ti sembrerà… e grazie per le scelte musicali 😉

      Rispondi
  3. Ariano Geta

    Contatto è fondamentale di questi tempi. Penso che un buon contatto coi lettori poi sia d’aiuto anche a definire il proprio lavoro per capire meglio le loro aspettative.

    Rispondi
    • Ryo

      In passato, quando leggevamo i racconti in pubblico, guardando le loro espressioni ho imparato un mucchio di cose 😉

      Rispondi
  4. Loredana

    …mi sono risposta da sola. Il tuo riferimento a “mio romanzo” non poteva cadere nel vuoto.
    Complimenti per le tre parole…le mie sono consapevolezza, cambiamento e fioritura.
    Ora vado a scoprire un po’ di più sul tuo Pelicula.
    Nel frattempo, in bocca al lupo per le tue parole-obiettivi!

    Rispondi
    • Ryo

      Molto buone anche le tue, fioritura soprattutto mi piace!

      Rispondi
  5. Loredana

    Ne so talmente tanto, ora, che è nella mia biblioteca Kindle ad attendere pazientemente il suo turno di lettura…

    Rispondi
    • Ryo

      Accipicchia, sei stata velocissima 😮 Mi raccomando, fammi sapere se ti piacerà o no! 🙂

      Rispondi
  6. Tenar

    Mi piacciono un sacco le tue tre parole, sopratutto profondità e chiarezza, che ricerco anch’io

    Rispondi
    • Ryo

      Molto bene, allora diamoci dentro! 😉

      Rispondi

Trackback/Pingback

  1. 3 parole per il 2016 - […] Keep calm and tre parole per il 2016 di Andrea Cabassi […]

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anonima Andrea Cabassi Newsletter

Unisciti anche tu!

La newsletter di Anonima Andrea Cabassi è discreta, eccentrica e veloce: unisciti anche tu per ricevere curiosità librarie, sconti, ebook e altro ancora! Compila il modulo, userò questi dati solo per inviarti la newsletter, e potrai cancellarli in ogni momento.
Consulta l'informativa sul trattamento dei dati per ulteriori informazioni.

* campo richiesto