Ciao a tutti, sono AliceB e da oggi entro a far parte del team di blogger di Anonima Andrea Cabassi in qualità di appassionata di romanzi fantasy, ma più genericamente lettrice interessata a 359° (scienza, viaggi, costumi, architettura ecc.).
Come primo intervento nel blog vi presento la mia recensione di Kirith Kirin, romanzo fantasy dello statunitense Jim Grimsley¹.

I meno addentro al genere fantasy spesso pensano che un qualsiasi mondo inventato e popolato di orchi e folletti possa assurgere a scenario fantasy.
Personalmente sono annoiata a morte da tutti quei romanzetti o saghe da milioni di pagine in cui, gratta gratta, non resta che il principe alla ricerca della sua identità e del talismano magico, appoggiato da compagni stereotipati caratterizzati con la stessa cura di un Pokémon.
Quindi, per quelli di voi appassionati del genere che ben conoscono la differenza tra un personaggio e una marionetta, ecco un romanzo ricco, profondo e affascinante, dipinto con pennellate delicate e ricche di colore.

La storia di Kirith Kirin

Kirith Kirin - Jim Grimsley
Kirith Kirin è il Re Blu che si avvicenda da secoli sul trono alla Regina Rossa. Entrambi sono costretti a fare periodicamente ritorno alla foresta sacra di Arthen per rinnovare la loro immortalità, concessa loro dalla Dea Madre.
Ma la regina, irretita dalle lusinghe del mago cattivo che le promette di rinnovare la sua natura eterna senza più dover lasciare il trono al re, viola la Legge del Cambio e Kirith Kirin attende invano nella foresta la chiamata per la Successione.
Kirith Kirin potrà intervenire solo quando farà la sua comparsa il giovane mago Jessex, la cui venuta era stata da lungo tempo profetizzata, che opporrà la sua volontà a quella del cattivo Drudaen.

Riconosco che la storia non è originalissima ma, come sempre, quel che fa la differenza è il modo in cui viene raccontata. In particolare, in questo libro spiccano due elementi di fascino: la magia e i personaggi.

La magia di Kirith Kirin

In Kirith Kirin la magia è ben sviluppata: non abbiamo più – Deo gratia – spade magiche, corone fatate, druidi che sparano fuoco azzurro dalla punta delle dita.
Finalmente un fantasy in cui la magia ha il ruolo primario che le spetta di diritto, una magia affatto semplice, ma del resto anche il nostro comune mondo fisico è governato da leggi complesse e per molti incomprensibili (termodinamica, relatività, elettromagnetismo ecc.), quindi perché non dovrebbe esserlo anche la magia?
La magia di Jessex è fatta di meditazione, di trance profonde, di Torri, di uno spazio non fisico ma mentale in cui le Parole creano movimento, e di un lunghissimo, estenuante apprendistato.
Una magia molto potente e altrettanto sofferta.

I personaggi di Kirith Kirin

Kirith Kirin - Jim GrimsleyUn’altra nota di originalità spetta alla popolazione di questo mondo fantastico. Niente più folletti elfi gnomi troll vampiri e puffi, ma razze prevalentemente umane e normali (con tutti i benefici del normale in un libro fantasy…).
Jessex è il personaggio principale e tutto il romanzo è raccontato dal suo punto di vista (narratore in prima persona onnisciente – per chi fosse interessato -), ovvero attraverso gli occhi di un ragazzo di quindici anni strappato da casa e avviato lungo la strada della magia in un mondo di dubbi e solitudine, di paura e di isolamento, che ci illustra lo scenario in cui si delinea la sua nuova vita con lunghe appassionate e appassionanti descrizioni dei suoi sentimenti ed emozioni.

E ora l’inaspettato

Orbene, Jessex e Kirith Kirin sono amanti.
No, non serve che scorriate a ritroso la pagina per timore di aver capito male e magari-Kirith-Kirin-è-la-regina o Jessex-è-una-maga ecc.: sono due uomini.
Per quelli di voi molto restii a immagini omosessuali, don’t worry, non ci sono scene di sesso salvo una, comunque per nulla esplicita (a me la cosa non ha dato per niente fastidio, ma sono una donna, quindi meno suscettibile dei maschietti etero all’idea di sesso tra due uomini).

Jim GrimsleyEsiste il fantasy gay?
Sembra strano ma non è il primo romanzo fantasy di questo tipo che trovo sugli scaffali virtuali delle librerie online.
Questo però è sostanzialmente diverso, perché scritto da un autore dichiaratamente omosessuale, che carica la sua storia di una sensibilità molto ricca e profonda, totalmente assente in altri fantasy con episodi di amore non-conventional, in cui la componente omosessuale non è altro che lo sfogo di una fantasia erotica dell’autrice (donna! Eh sì, capita anche questo: se è un’opera fantasy ognuno ci mette tutta, ma proprio tutta, la propria fantasia – anche incesti tra fratelli – , mah…).

Il comitato Shonen Ai non mi avrai mai ha bollato questo fantasy come la storia del re che si inchiapetta mago Merlino… ma quando mai sto comitato ha fatto testo?
In realtà Kirith Kirin è un libro unico, elegante e creativo, denso e intricato, con uno stile di prosa ricco ed elaborato, completo (in un solo volume!), che raccomando ai lettori di mente aperta che desiderano perdersi completamente in un lussureggiante mondo alternativo.
Trovare un fantasy di buon livello è ormai cosa rara, in un genere popolato da produzioni sottotono e insignificanti. Non lasciatevene sfuggire un ottimo rappresentante!

¹ – A dire la verità non so se sia stato tradotto in italiano, in ogni caso sarebbe un buon esercizio linguistico leggere la versione in lingua originale… or not?)

Unisciti alla discussione

9 commenti

      1. certo! anche se per ora l’ho solo messo nella lista delle future letture… ora come ora ho un venti-trenta libri da leggere… =P

          1. assolutamente… poi lo studio… (un po di esami a gennaio…) e la lettura riceve una brutta botta d’arresto =P

          2. vediamo un po… sto finendo il canto della rivolta, da finire poi ho Otori (rilettura) e Come sasso nella corrente
            poi ho:
            -l’ultimo re di Cornwell
            -la guerra di Hendel di Cilento (autrice sconosciuta italiana)
            -La Chiave di ANderain (sempre sua)
            -la trilogia di Bartimeus
            -un libro di poesie che devo leggere ù.ù
            -3 libri di GOleman (essere leader, intelligenza sociale ed intelligenza emotiva)
            -i neuroni specchio di Iacoboni
            -ultimo viene il corvo di Calvino
            -il secondo della torre nera di King
            -Medicus
            -li dove cantano gli alberi
            -la guerra della fine del mondo
            -la città e i cani
            e poi qualche altro ma più breve da circa 100 pagine…
            =D
            alcuni non c’entrano nulla col fantasy…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.