Anonima Andrea Cabassi

Scrivo più veloce di quanto pensi

Category: Pelicula (page 1 of 8)

Il romanzo Pelicula narra di un futuro tecnologicamente non evoluto in cui l’umanità vive una situazione di stallo: non più crisi, non più guerre, non più problemi: da questa utopia nasce una società dove la gente si crede libera ed è felice, una società manovrata da un’arma invincibile, operatva ventquatr’ore su ventquatro. Un’arma di controllo invisibile chiamata Pelicula.
Ai margini della civiltà un gruppo di terroristi opera per far emergere la verità; la domanda che pongono anche a te è la seguente: «rinunceresti alla tua felicità sapendo di non meritarla?»

Distopico Dinamico Esplosivo

Pelicula: sconti grossi

Per festeggiare i due anni di pubblicazione di Pelicula ho afferrato la scure delle grandi occasioni e l’ho percossa sul prezzo di copertina; la scure non è uno strumento celebre per la sua precisione, pertanto il nuovo prezzo è di € 9,37! Spese di spedizione incluse!

Un violento gruppo terroristico opera per risvegliare le coscienze di una società in cui la gente si crede libera ed è felice, ma in realtà è manipolata da forze governative inumane. La domanda che devi porti anche tu è questa:

«Rinunceresti alla tua felicità sapendo di non meritarla?»

È caldamente consigliato premere il pulsante rosso:

Pulsante rosso

Recensione Pelicula di Marina Guarneri

In settimana è apparsa su Amazon la recensione di Pelicula scritta dall’apprezzatissima blogger e scrittrice Marina Guarneri, che ringrazio.

Per leggere integralmente il suo commento, e eventualmente lasciarle una risposta, andate alla pagina delle recensioni su Pelicula di Amazon.

4/5 – Stellette meritate, 9 febbraio 2016
Da un po’ di tempo a questa parte mi misuro con letture che non mi appartengono, ma che mettono alla prova la mia capacità di andare oltre il pregiudizio. È con questa idea che ho letto il libro di Andrea Cabassi, rilevando subito un fatto positivo, per me che non amo questo genere letterario: Pelicula è sì, un romanzo di fantascienza, ma è trattato con apprezzabili spunti narrativi. Le scene, nella loro trasposizione futuristica, sono sobrie: già il fatto di non trovarmi dentro navicelle spaziali a combattere contro alieni dell’ipergalassia mi ha ben disposto e i momenti di azione sono talmente descrittivi che si ha come l’impressione di guardare un film più che di leggere un libro. I personaggi hanno delle caratteristiche che l’autore ha ben tratteggiato, io ho trovato la loro particolarità nel fatto di lasciare al lettore un ampio margine di giudizio sul ruolo assunto all’interno della storia. Essa è incentrata su un sistema di bio nano tecnologia chiamato Pelicula, installazione che determina una sorta di condizionamento nella mente di ogni uomo che ne è obbligatoriamente vaccinato. Un ordine perfetto, un controllo totale che limita le azioni e le reazioni di tutti, procurando una felicità artificiale. Un gruppo di persone, tra cui i due protagonisti principali, contrastano questo sistema con ogni mezzo: in un mondo di “schiavi” felici, loro intervengono a sovvertire le regole per rivendicare la vera libertà, quella di pensiero.
L’intreccio distopico ha il suo fascino ed è raccontato con piena padronanza di stile e linguaggio.
Ho solo un appunto da sottolineare: l’astrusità di alcuni nomi ai limiti dell’impronunciabilità, ma è un peccato veniale su un’opera che merita sicuramente un buon voto. Positiva la mia impressione generale.

Pelicula recensito su Argomenti Culturali

Lucca Comics and Games and Pelicula 2015

Pelicula su “Otium” di Ferruccio Gianola

Lucca Comics and Games and Pelicula 2015 (achtung!)

Older posts