Anonima Andrea Cabassi

Scrivo più veloce di quanto pensi

Category: Illustrazioni

Emma, di Laura Pezzoli

Emma, di Laura PezzoliLa superbravissima Laura Pezzoli (qui potete ammirare altri suoi lavori) mi ha fatto una megagradita sorpresa: mettendo a frutto i suoi particolari poteri sovrannaturali ha realizzato un magnifico ritratto di Emma in posa plastica (come spesso accade in questi casi, la scansione non rende giustizia all’originale).
Potete qui di fianco ammirare la tap-model dallo sguardo accigliato, con sciarpa a boa e fetta di pane addentata.
Segue pubblicità spudorata: per commissionare un lavoro a Laura (certo, voi non ce l’avete una modella come la mia…) scrivetele una posta elettrica a questo indirizzo.
Tecnica: acquerelli, e matite acquerellabili, su carta.

Il sorriso di Gaia

Giorni fa ho capito perché i mari sono inquinati: ho cambiato i copertoni alla mia mountain bike.
Andando solo su asfalto e avendo la ruota posteriore un bel po’ consumata, ho deciso di comprarmi due copertoni da strada. Così, pappagallo, chiavi, cucchiai e compressore alla mano, ho eseguito un cambio di gomme che mai nemmeno nei box di Monza s’è visto. E di questo sono certo.
Ho voluto cogliere l’occasione anche per dare una pulita generale, così mi sono munito di acqua ragia, stracci e pennello.
È stato un massacro.
Mai visto tanto sporco scendere da tanto poco spazio! Il grasso della catena era talmente saturo di polvere e chissà cos’altro, che quando l’ho tolto la catena sembrava la metà! Forse per l’acqua ragia che m’è andata nell’occhio, sono stato davvero colpito da quanti rifiuti chimici ho prodotto in una sola ora di lavoro!

E chissà quante catene si lavano ogni giorno!

C’è forse da rivedere il concetto di mezzo di trasporto pulito… ma meglio insabbiare la cosa per adesso: la bici è troppo comoda per annullare il traffico cittadino.

Ma veniamo al punto.
Quanto diavolo è grosso il mare? Com’è che nel corso degli anni abbiamo continuato a buttarci dentro le peggiori schifezze prodotte dalla nostra migliore tecnologia, e ancora non è totalmente andato a male? Ce lo meritiamo? Quanto durerà ancora?
Quanto costa il mare?
E parlo di mare, ma solo per generalizzare un po’. Tanto, per buttarci la spazzatura, ogni posto è buono.

E la bella Gaia continua a sorridere, nonostante tutto.
Dobbiamo sembrare davvero stupidi ai suoi occhi, ma allo stesso tempo ci deve amare sul serio.
Le dispiacerà molto, quando ci vedrà perire per mano nostra.
Peccato, penserà, ma ora è giunto il momento di ricominciare da capo.

L’uomo è un errore che se non verrà corretto al più presto sarà eliminato dal corso naturale degli eventi, come è sempre successo.

Disegno di Francesca Resta
Post gemellato con The 4th Avenue Café