Il mio nome è Andrea Cabassi, classe 1978, vivo a Brescia e mi occupo di comunicazione e marketing.

Andrea CabassiSono stato organizzatore e autore di performance dal vivo di letture attorali (reading), e ho all'attivo tre pubblicazioni:


Oltre ai miei post - su libri, scrittura e mondo editoriale - qui potete trovare gratuitamente alcuni miei racconti inediti.

Quando scrivo di me dimentico sempre qualcosa di importante a scapito di sciocchezze.

Iscriviti alla newsletter trimestrale: riceverai contenuti esclusivi, i tuoi dati non saranno mai diffusi e potrai disiscriverti in ogni momento.

Un violento gruppo terroristico opera per risvegliare le coscienze di una società in cui la gente si crede libera ed è felice, ma in realtà è manipolata da forze governative inumane.
La domanda che devi porti anche tu è questa: «rinunceresti alla tua felicità sapendo di non meritarla?»

Scopri di più sull'universo di Pelicula.

ULTIMI ARTICOLI

Pioverti dentro

Tornando coi piedi sulla Terra

Pioverti dentro Sento che sta piovendo ma attorno è tutto chiaro e il sole mi scalda la pelle, m'è negata anche la gioia d'una pozzanghera da far schizzare. L'ombrello esce di casa solo se piove, la pioggia cade anche quando nessuno la vede. Non importa quello che senti, non importa…
Leggi tutto »
Busta

29/30

Che cosa succede quando si tiene per tutta una settimana una busta nella giacca interna del giubbino? Beh, oltre a farla spiegazzare dappertutto, succede anche che, per forza di cose, se ne legge e rilegge il contenuto per qualche volta. Molte volte. Nel mio caso la busta conteneva il contratto…
Leggi tutto »

La seconda barzelletta più divertente del mondo

Nel 1971 uscì nelle sale inglesi il film dei Monty Python E... ora qualcosa di completamente diverso, mirabile esempio di cinematografico british humour. In uno degli sketch viene narrata la storia della barzelletta più divertente del mondo; divertente da morire, e non così tanto per dire: infatti il suo autore,…
Leggi tutto »
Bad Loop Song

Bad loop

Mi viene spesso rinfacciato che certi miei comportamenti appaiono senza motivo, inutili, o anche solamente strani. Non mi prendo la briga d'obiettare: questi, sotto certi aspetti, come ad esempio il comune modo di vedere le cose, non hanno alcuna ragione d'essere. Per fortuna il modo comune non corrisponde troppo di…
Leggi tutto »