Qualche tempo fa ho giocato allo scrittore anni ’30 con la mia vecchia macchina da scrivere (che, più modestamente, è degli anni 80/90) e le mie due piccole aiutanti (in realtà l’aiutante ero io ma non sottilizziamo). Oggi voglio mostarvi quello che ne è scaturito: La storia di Cappuccetto Rosa.



 

 

La storia di Cappuccetto Rosa

 

A post shared by Andrea Cabassi (@andreacabassi) on

Non ho pubblicato prima questo buffo raccontino perché me lo volevo tenere per l’ultimo giorno dell’anno, per finirlo così: con un ribaltamento di ruoli e soprattutto… una torta fatta in casa (ovviamente di proporzioni gargantuesche). Del 2017 ne rimane ancora un pezzettino, che sia buono!

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.