Qualche giorno fa, discutendo con Darsch di tecniche narrative, abbiamo coniato il nome di quello che da oggi sarà conosciuto come l’Effetto Tarantino, ovvero tutte quelle situazioni in cui lo scrittore delega al dialogo diretto il compito di reggere la narrazione, facendosi prendere la mano e finendo per incartarsi in dialoghi infiniti che se non sei Tarantino è meglio se lasci perdere (sic).

Dove si manifesta

L’Effetto Tarantino purtroppo è più comune di quanto si pensi, specialmente fra le seguenti categorie di scrittori:

  • Quelli alle prime armi: scrivere un dialogo non richiede sforzi particolari, per assurdo basta un copia/incolla dalla realtà!
  • Quelli alla ricerca dell’effetto cinematografico, effetto a cui però contribuiscono anche le immagini (che in narrativa sono le descrizioni).
  • Quelli di fanfiction… però mi vien da dire lasciateli stare, che nel loro mondo non danno fastidio a nessuno.

Effetti indesiderati

Il problema sostanziale è che (vedi primo punto) proprio perché non richiede sforzi, anche l’effetto è misero. Se poi si cerca di rendere il dialogo brillante si rischia di scrivere dialoghi innaturali che sembrano duelli di botta e risposta: siamo entrati nella fase avanzata dell’Effetto Tarantino. La sospensione dell’incredulità già deve metterci del suo per far accettare che due o più persone parlino correttamente con frasi ben strutturate, figuriamoci se quello che dicono fosse anche superfigo!

Personalmente sto passando una fase di repulsione verso il dialogo diretto e ho deciso che – per quanto possibile – riportare quel che si dicono due persone non mi serve. Fare atmosfera con un dialogo è un trucco da quattro soldi; se non è strettamente necessario (cioè non è sufficiente che sia comodo) e se non serve a dar valore al racconto, per quanto mi riguarda preferisco cogliere l’opportunità di sostituire una foto fatta male con un quadro (che non è detto sia per forza bello, ma almeno ci si prova).

Esempi di Effetto Tarantino

In effetti non ho un esempio preciso da proporre, ma appena ne troverò ho già lo spazietto dove aggiungerlo. Naturalmente potete segnalarmene anche voi!

Conclusioni

Non prendetevela se ho parlato male di una tecnica che a voi invece piace e usate regolarmente, il post è velatamente ironico e io stesso sono passato per quella fase. Solo che poi, quando nessuno ha gridato al cult, improvvisamente sono rinsavito.
Scommetto che potete riuscirci anche voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.